LEVITIC (15)

Letôr: Fiorinda Beorchia

Sporcjetâts sessuâls

Prin câs

151Il Signôr ur fevelà a Mosè e a Aron e ur disè: 2“Disêt ai fîs di Israel: Se un om al patìs di scolo tal so cuarp, il so scolo al è soç. 3Ve ce ch’e sarà cheste sporcjetât: fintremai che al varà il scolo, tant se il cuarp al lasse jessî il scolo come ancje se lu ten dentri, al sarà soç. 4Ogni stramaç là che si distirarà chel che al à il scolo al sarà soç; ogni sente là che si sentarà e sarà soce. 5Chel che al tocjarà il stramaç di chest om al varà di lavâsi i vistîts e di bagnâsi ta l’aghe e al restarà soç fintremai sore sere. 6Chel che si sentarà sun cualunche sente che si sedi sentât chel che al à il scolo, al varà di lavâsi i vistîts, di bagnâsi ta l’aghe e al restarà soç fintremai sore sere. 7Chel che al tocjarà il cuarp di chel che al à il scolo, al varà di lavâsi i vistîts, di bagnâsi ta l’aghe e al restarà soç fintremai sore sere. 8Se chel che al à il scolo al spudarà suntun che al è mont, chel al varà di lavâsi i vistîts, di bagnâsi ta l’aghe e al restarà soç fintremai sore sere. 9Ogni siele che al montarà parsore chel che al à il scolo e sarà soce. 10Chel che al tocjarà une robe ch’e sedi stade sot di lui al restarà soç fintremai sore sere. Chel che al puartarà chestis robis, al varà di lavâsi la munture, di bagnâsi ta l’aghe e al sarà soç fintremai sore sere. 11Chel che al sarà tocjât di chel che al à il scolo, se chest nol veve lavadis lis mans, al varà di lavâsi i vistîts, di bagnâsi ta l’aghe e al restarà soç fintremai sore sere. 12Il crep tocjât di chel che al à il scolo si varà di rompilu; ogni robe di len e varà di jessi lavade cu l’aghe.

Funzion di purificazion

13Cuant che chel che al à il scolo al sarà vuarît dal so mâl, al contarà siet dîs de dì che al è vuarît; po si lavarà i vistîts, al bagnarà il so cuarp ta l’aghe corint e al sarà mont. 14Sui vot dîs al cjolarà dôs tortorelis o doi colomps, si presentarà denant dal Signôr, te jentrade de tende de cunvigne, e jai darà al predi, 15che ind ufrissarà un a mût di sacrifici di espiazion e chel altri a mût di olocaust; il predi al fasarà par lui la funzion di espiazion denant dal Signôr par vie dal so scolo.

Altris câs

16Un om che al varà vude une pierdite di semence, al varà di lavâsi dut il cuarp cu l’aghe e al restarà soç fintremai sore sere. 17Ogni vistît o piel là che al sarà colât parsore la semence, si varà di lavâlu ta l’aghe e al restarà soç fintremai sore sere.

18L’om e la femine che a vedin stât insieme cun pierdite di semence, a varan di lavâsi ta l’aghe e a restaran soçs fintremai sore sere.

19Se une femine e à pierditis di sanc, ven a stâi che dal so cuarp al cole sanc, la sô sporcietât e durarà par siet dîs; chel che le tociarà al restarà soç fintremai sore sere. 20Ogni stramaç là che si sarà distirade intant de sô sporcjetât al sarà soç; ogni sente là che si sarà sentade parsore e sarà soce. 21Chel che al tocjarà il so stramaç al varà di lavâsi i vistîts, di bagnâsi ta l’aghe e al restarà soç fintremai sore sere. 22Chel che al tocjarà une sente cualunche là che si sarà sentade, al varà di lavâsi i vistîts, di bagnâsi ta l’aghe e al restarà soç fintremai sore sere. 23Se un om si intive sul stramaç o suntune sente biel ch’e je sentade jê, al restarà soç fintremai sore sere. 24Se un om al va cun jê, la sporcjetât di jê le cjape ancje lui; al restarà soç par siet dîs e ogni stramaç là che al larà a distirâsi al sarà soç.

25Une femine ch’e à pierditis di sanc par une vore di dîs, fûr dal timp des sôs robis, o se lis sôs robis a van plui a lunc, par dut il timp des pierditis e sarà soce compagn che intant des sôs robis. 26Ogni stramaç che si distirarà par dut il timp des pierditis al sarà par jê compagn dal stramaç là che si distire intant des sô robis; ogni sente là ch’e larà a sentâsi e sarà soce compagn di cuant ch’e à lis sôs robis. 27Chel che ju tocjarà al sarà soç; al varà di lavâsi, di bagnâsi ta l’aghe e al restarà soç fintremai sore sere.

Funzion di purificazion

28Cuant che e sarà vuaride des sôs pierditis, e contarà siet dîs e po e sarà monde. 29L’otave dì e cjolarà dôs tortorelis o doi colomps e jai puartarà al predi te jentrade de tende de cunvigne. 30Il predi un lu ufrissarà a mût di sacrifici di espiazion e chel altri a mût di olocaust e al fasarà par jê la funzion di espiazion denant dal Signôr, par vie des pierditis che le insoçavin.

Conclusion

31Visait i fîs di Israel di ce che al podarès sporcjâju, par no che a muerin par colpe de lôr sporcjetât, in câs che a vessin di sporcjâ il gno santuari, che al è framieç di lôr.

32Cheste e je la leç par chel che al à il scolo o une pierdite di semence che lu sporcje, 33e la leç par chê che no je conforme par vie des sôs robis, pal om o pe femine che a àn pierditis o pal om che al va cuntune femine intant ch’e je soce”.