LEVITIC (14)

Letôr: Paola Selva

Purificazion dal levrôs

141Il Signôr i fevelà a Mosè e i disè: 2“Cheste e je la leç a rivuart dal levrôs pe dì de sô purificazion. Si lu menarà dal predi 3e il predi al saltarà fûr dal campament e lu viodarà. Se al cjatarà che la plae de levre e je vuaride tal levrôs, 4il predi al darà ordin di cjoli, pal om di purificâ, doi ucei vîfs, monts, len di cedri, un toc di tele colôr ros vîf e issop. 5Il predi al darà ordin di sacrificâ un dai ucei tun crep parsore de aghe corint. 6Po al cjaparà l’ucel vîf, il len di cedri, la tele rosse e l’issop e ju metarà in muel, insieme cul ucel vîf, tal sanc dal ucel sacrificât, parsore de aghe corint. 7Al sborfarà par siet voltis chel che al à di jessi smondeât de levre, lu diclararà mont e al molarà l’ucel vîf, che si ’nt ledi libar vie pe campagne. 8Chel che al è smondeât, si lavarà i vistîts, si taiarà ducj i pêi, si lavarà ta l’aghe e al sarà mont. Dopo al podarà jentrâ tal campament, ma al varà di restâ par siet dîs fûr de sô tende.

9Passâts i siet dîs, si taiarà ducj i pêi, dal cjâf, de barbe, des ceis, insome ducj i pêi, si lavarà i vistîts, si bagnarà il cuarp ta l’aghe e al sarà mont. 10L’otave dì al cjolarà doi agnei cence pecjis, une agnele di un an cence pecjis, trê decims di efa di farine di flôr tocjade tal vueli, come oblazion, e un log di vueli. 11Il predi che al fâs la purificazion al presentarà denant dal Signôr, biel jentrant de tende de cunvigne, l’om che si smondee e chestis robis che o vin ditis. 12Il predi al cjolarà un dai agnei e lu ufrissarà a mût di sacrifici di riparazion cul log dal vueli, e ju presentarà come te ufierte che si presentile seont la regule denant dal Signôr. 13Po al sacrificarà l’agnel tal lûc che si sacrifiche lis vitimis di espiazion e i olocauscj, vadì tun lûc sant, parcè che il sacrifici di riparazion al è pal predi, compagn di chel di espiazion; e je une robe santissime. 14Il predi al cjolarà un sclip di sanc dal sacrifici di riparazion e al bagnarà la ponte de orele gjestre di chel che si smondee, il poleâr de man drete e il poleâr dal pît gjestri. 15Po al cjolarà il vueli dal log e lu strucjarà sul dret de sô man çampe; 16al tocjarà il dêt de gjestre tal vueli che al à te çampe; cul dêt al sclipignarà par siet voltis chel vueli denant dal Signôr. 17Cun ce che al vanze dal vueli che al à tal dret de man, il predi al bagnarà la ponte de orele gjestre di chel che si smondee, il poleâr de man drete e il poleâr dal pît gjestri parsore dal sanc dal sacrifici di riparazion. 18Il vueli vanzât tal dret de man, il predi lu strucjarà sul cjâf di chel che si smondee; cussì al fasarà par lui la funzion di espiazion denant dal Signôr. 19Po il predi al ufrissarà il sacrifici di espiazion e al pararà jù il pecjât di chel che si smondee de sô sporcjetât; podopo si ufrissarà l’olocaust. 20Finît di ufrî l’olocaust e la oblazion sul altâr, il predi al fasarà par lui la funzion di espiazion e al sarà mont.

21Se il malât al è puar e nol à pussibilitâts, al cjolarà un agnel a mût di sacrifici di riparazion, par fâ la funzion di presentazion e par fâ sul malât la funzion di espiazion, un decim di efa di farine di flôr tocjade tal vueli a mût di oblazion, un log di vueli, 22dôs tortorelis o doi colomps, daûr des sôs pussibilitâts. Un al sarà pal sacrifici di espiazion e chel altri pal olocaust. 23Sui vot dîs, i puartarà chestis robis al predi pe purificazion, te jentrade de tende de cunvigne, denant dal Signôr. 24Il predi al cjolarà l’agnel dal sacrifici di riparazion e il log dal vueli e ju scjassarà come ufierte tal at di presentazion denant dal Signôr. 25Po al sacrificarà l’agnel dal sacrifici di riparazion, al cjolarà il sanc de vitime di riparazion e al bagnarà la ponte de orele gjestre di chel che si smondee, il poleâr de man drete e il poleâr dal pît gjestri. 26Il predi si strucjarà un sclip di chel vueli sul dret de man çampe 27e cul dêt de man drete al sclipignarà par siet voltis denant dal Signôr il vueli che al ten te man çampe. 28Podopo al bagnarà cul vueli che al ten tal dret de man la ponte de orele gjestre di chel che si smondee, il poleâr de man drete e il poleâr dal pît gjestri, tal lûc là che al à metût il sanc dal sacrifici di riparazion. 29Ce che al vanzarà dal vueli che al à tal dret de man, il predi lu strucjarà sul cjâf di chel che si smondee, par parâ jù i siei pecjâts denant dal Signôr. 30Po al sacrificarà une des dôs tortorelis o un dai doi colomps che al à rivât a procurâsi; 31des vitimis che al à te man, une le ufrissarà a mût di sacrifici di espiazion e chê altre a mût di olocaust, insieme cu la oblazion; il predi al fasarà par lui denant dal Signôr la funzion di espiazion.

32Cheste e je la leç a rivuart di chel che al è infetât de levre e che nol à pussibilitâts di procurâsi ce che al covente pe sô purificazion”.

La “levre” des cjasis

33Il Signôr i fevelà a Mosè e a Aron e ur disè: 34“Cuant che o sarês jentrâts te tiere di Canaan che jo o stoi par dâus in paronance, in câs che jo o mandi une plae di levre tune cjase dal paîs che o varês la paronance, 35il paron di cjase al larà a contâi al predi e i disarà: O scrupuli che inte mê cjase e sedi une robe come la levre. 36Alore il predi al darà ordin di disvuedâ la cjase prin di jentrâ a scrutinâ la tacule suspiete, par no che al deventi soç dut ce che al è in cjase. Podopo il predi al jentrarà par cjalâ la cjase. 37Al cjalarà duncje la tacule; se al viodarà che la plae sui mûrs de cjase e je come une robe in dentri, verduline o rossite, plui in dentri rispiet a la façade dal mûr, 38il predi al jessarà de cjase de bande de puarte e al fasarà sierâ la cjase par siet dîs. 39Sui siet dîs, il predi al tornarà e se, cjalantle, al cjatarà che la tacule e à cjapât pît sui mûrs de cjase, 40il predi al darà ordin di tirâ jù lis pieris infetadis e di butâlis tun lûc soç, fûr de citât. 41Al fasarà rassâ la cjase dulintor e a butaran fûr de citât, tun lûc soç, i rudinaçs rassâts. 42Po a cjolaran altris pieris e lis metaran impen di chês di prin e si tornarà a dâi a la cjase une man di cjalcine.

43Se la plae e torne fûr te cjase dopo che si veve tiradis vie lis pieris e che si veve rassade e stabilide la cjase, 44il predi al jentrarà a viodi la cjase; sancirât che la tacule si è slargjade, in chê cjase e je levre piabil; chê cjase e je soce. 45Alore si sdrumarà la cjase: pieris, legnam e rudinaçs si ju puartarà fûr de citât, tun lûc soç. 46E chel che al varà metût pît ta chê cjase biel ch’e jere sierade, al restarà soç fintremai sore sere. 47Chel che al varà durmît ta chê cjase o che al varà mangjât, al varà di lavâsi la munture.

48Se invezit il predi che al è jentrât te cjase e che le à passade fûr par fûr, al cjate che la tacule te cjase no si è slargjade dopo che la cjase le vevin stabilide, al diclararà la cjase monde, parcè che la tacule e je sparide.

Funzion di purificazion

49Po, par fâ il sacrifici di espiazion pe cjase, al cjolarà doi ucei, len di cedri, un toc di tele colôr ros vîf e issop; 50al sacrificarà un dai ucei tun crep cun dentri aghe corint. 51Al cjolarà il len di cedri, l’issop, la tele rosse e l’ucel vîf e ju metarà in muel tal sanc dal ucel sacrificât, parsore de aghe corint, e al sborfarà par siet voltis la cjase. 52Smondeade la cjase cul sanc dal ucel, cu l’aghe corint, cul ucel vîf, cul len di cedri, cul issop e cu la tele rosse, 53al molarà l’ucel vîf, che si ’nt ledi libar vie pe campagne. Cussì al fasarà la funzion di espiazion pe cjase e la cjase e sarà monde.

54Cheste e je la leç par ogni sorte di plais di levre o di tegne, 55di levre dai vistîts e des cjasis, 56di sglonfidugns, di bruscs e di taculis, 57par sclarî cuant che une robe e je soce e cuant che e je monde. Cheste e je la leç a rivuart de levre”.