LEVITIC (12;13:1-23)

Letôr: Elena Fioritto

Regulis pe parturient

121Il Signôr i fevelà a Mosè e i disè: “Dîsiur ai fîs di Israel: 2Se une femine e cjaparà sù e e parturissarà un mascjo, e sarà soce par siet dîs; e sarà soce come tal timp des sôs robis. 3Sui vot dîs, si circuncidarà il frut. 4Po e restarà ancjemò trentetrê dîs a purificâsi dal so sanc; no tocjarà nissune robe sante e no jentrarà tal santuari fin che no saran finîts i dîs de sô purificazion. 5Se invezit e parturissarà une frute, e sarà soce par dôs setemanis, come tal timp des sôs robis; e restarà sessantesîs dîs a purificâsi dal so sanc.

6Cuant che a saran finîts i dîs de sô purificazion par un fi o par une fie, i puartarà al predi, biel jentrant de tende de cunvigne, un agnel di un an a mût di olocaust e un colomp o une tortorele a mût di sacrifici di espiazion. 7Il predi ju ufrissarà denant dal Signôr e al fasarà par jê la funzion di espiazion e jê e sarà smondeade des sôs pierditis di sanc. Cheste e je la leç a rivuart de femine ch’e parturìs un frut o une frute. 8Se no à pussibilitât di ufrî un agnel, e cjolarà dôs tortorelis o doi colomps: un pal olocaust e chel altri pal sacrifici di espiazion. Il predi al fasarà par jê la funzion di espiazion e jê e sarà smondeade”.

“Levre”: sglonfidugns e taculis

131Il Signôr i disè a Mosè e a Aron: 2“Cuant che un al à su la piel dal cuarp un sglonfidugn o une gruse o une tacule blancje ch’e fasi scrupulâ une plae di levre, si à di menâlu dal predi Aron o di cualchidun dai predis siei fîs. 3Il predi al cjalarà ben la plae su la piel dal cuarp: se il pêl de plae al è deventât blanc e la plae e je in dentri rispiet a la piel dal cuarp, si trate di plae di levre; il predi, dopo di jessisi sancirât ben, al diclararà soç chel om. 4Ma se la tacule su la piel dal cuarp e je blancje ma no in dentri rispiet a la piel e il so pêl nol è deventât blanc, il predi al isolarà par siet dîs chel che al è implaiât. 5Dopo siet dîs, il predi al tornarà a scrutinâlu; se i semearà che la plae si sedi fermade cence slargjâsi su la piel, il predi lu isolarà par altris siet dîs. 6Dopo siet dîs, il predi lu tornarà a cjalâ; se al viodarà che la plae no je plui blancje e che no si è slargjade gran su la piel, al diclararà chel om mont: si trate di une gruse. 7Ma se la gruse si è slargjade su la piel dopo che si è fat viodi dal predi par jessi diclarât mont, al à di tornâ a fâsi viodi dal predi; 8il predi lu cjalarà pulît e, se al viodarà che la gruse si è slargjade su la piel, il predi lu diclararà soç: si trate di levre.

9Cuant che un al varà intorsi une plae di levre, si à di menâlu dal predi 10e chel lu viodarà; se al cjatarà che su la piel al à un sglonfidugn blanc, che il pêl al è deventât blanc e che chest sglonfidugn al è su la cjar vive, 11si trate di levre za indenant te piel dal cuarp e il predi lu diclararà soç. No lu tignarà isolât, parcè che al è siguramentri soç.

12Se la levre e cjape pît su la piel in mût di taponâ dute la piel di chel che al è implaiât, d’insomp fin dapît, par dut là che il predi al cjale, 13il predi lu viodarà e, se si sancirarà che la levre e tapone dut il cuarp, al diclararà mont chel che al à la plae: jessint dut blanc, al è mont. 14Ma cuant che e comparissarà in lui la cjar vive, al sarà diclarât soç. 15Il predi, viodude la cjar vive, lu diclararà soç parcè che la cjar vive e je soce: si trate di levre. 16Se però la cjar vive e torne a deventâ blancje, che al ledi dal predi e il predi lu cjalarà; 17s’al viodarà che la plae e je tornade blancje, il predi al diclararà mont chel che al à la plae: al è mont.

Bugnons

18Cuant che un al à vût su la piel un bugnon che dopo al è vuarît, 19se impen dal bugnon i ven un sglonfidugn blanc o une tacule blancje, rossite, il malât al à di lâ a fâsi viodi dal predi, 20che lu cjalarà e, se al viodarà che la tacule e je in dentri rispiet a la piel e che il pêl al è deventât blanc, il predi al à di diclarâlu soç; si trate di une plae di levre saltade fûr dal bugnon. 21Ma se il predi, cjalantlu, al viôt che te tacule no ’nd è pêi blancs, che no je in dentri rispiet a la piel e che si è sfantade, il predi lu isolarà par siet dîs. 22Se la tacule e cjape pît su la piel, il predi lu diclararà soç: si trate di une plae di levre. 23Ma se la tacule e je restade simpri compagne, cence slargjâsi, si trate di un segnâl lassât dal bugnon e il predi lu diclararà mont.