LEVITIC (7)

Letôr: Elena Merlino

Il sacrifici di riparazion

71Cheste e je la regule pal sacrifici di riparazion; e je une robe santissime. 2Tal lûc che si sacrifiche l’olocaust, si sacrificarà la vitime di riparazion; si sborfarà il sanc torator dal altâr 3e si ufrissarà dut il gras: la code, il gras parsore dai budiei, 4i doi rognons cul lôr gras e il gras ator dai ombui e dal fiât, che si lu distacarà parsore dai rognons. 5Il predi al brusarà dut chest sul altâr come sacrifici consumât dal fûc in onôr dal Signôr. Al è un sacrifici di riparazion. 6Al podarà mangjânt ogni mascjo di famee di predis; si varà di mangjâlu tun lûc sant; e je une robe santissime.

Dirits dai predis

7Il sacrifici di riparazion al è compagn dal sacrifici di espiazion e al vâl par ducj i doi la stesse regule; la vitime e sarà dal predi che al à fat il sacrifici. 8Il predi che al varà ufiert l’olocaust par cualchidun al tignarà par sè la piel dal olocaust che al à ufiert. 9Cussì ancje ogni oblazion, cuete tal fôr o preparade te pignate o su la lastre, e sarà dal predi che le à ufierte. 10Ogni oblazion impastade cul vueli o cence, ur spiete a ducj i fîs di Aron, cence diferencis.

I sacrificis di comunion

11Cheste e je la regule pal sacrifici di comunion che si ufrissarà al Signôr. 12Se un lu ufrìs in laut, al ufrissarà, insieme cul sacrifici di comunion, fuiacis cence levan tocjadis tal vueli, petis cence levan onzudis cul vueli e farine di flôr cuete a mût di fuiacis tocjadis tal vueli. 13Al presentarà ancje, come ufierte, in soreplui des fuiacis che o vin dit, fuiacis di pan jevât, insieme cul sacrifici di laut. 14Di ognidune di chestis ufiertis si presentarà une part tant che oblazion tirade vie in onôr dal Signôr; e sarà dal predi che al à sborfât il sanc de vitime dal sacrifici di comunion. 15La cjar dal sacrifici di laut si varà di mangjâle la dì stesse che al ven ufiert; nol à di restâ fregul pal indoman.

16Ma se il sacrifici che un al ufrìs al è di avôt o volontari, la vitime si le mangjarà la dì ch’e vignarà ufierte e ce che al vanze si varà di mangjâlu tal indoman. 17Se però al sarà restât alc dal sacrifici fintremai a la tierce dì, si varà di brusâlu cul fûc.

Regulis svareadis

18Se si mangje la cjar dal sacrifici di comunion la tierce dì, chel che al à fate l’ufierte nol è acet e no ’nt varà nissun vantaç. E je cjar lade e chel che le mangje al varà di puartâ il pês dal so pecjât. 19La cjar ch’e varà tocjât alc di soç no si podarà mangjâle; si varà di brusâle.

20Chel che al è mont, al pò mangjâ la cjar dal sacrifici di comunion; ma chel che, jessint soç, al mangjarà la cjar dal sacrifici di comunion ufiert al Signôr, al varà di jessi cjonçât vie dal so popul. 21Se un al tocje une robe soce, robe soce di om, di nemâl o di alc che si strissine, e al mangje la cjar dal sacrifici di comunion ufierte al Signôr, chel li al varà di jessi cjonçât vie dal so popul”.

Il gras e il sanc

22Il Signôr i fevelà a Mosè e i disè: 23“Feveliur ai israelits e dîsiur: No vês di mangjâ nissune sorte di gras, ni di bo ni di piore ni di cjavre. 24Il gras di un nemâl muart naturalmentri o il gras di un nemâl sbranât si podarà doprâlu par ogni altri cont, ma no vês di mangjânt; 25parcè che chel che al mangjarà gras di nemâi che si pò ufrîju in sacrifici consumât dal fûc in onôr dal Signôr, al varà di jessi cjonçât vie dal so popul. 26E no vês di mangjâ sanc di sorte, ni di ucei ni di nemâi dumiestis, pardut là che si cjatarês. 27Chel che al mangje sanc di cualunche sorte al varà di jessi cjonçât vie dal so popul”.

Dirits dai predis

28Il Signôr i fevelà a Mosè e i disè: 29“Feveliur ai israelits e dîsiur: Chel che i ufrissarà al Signôr il sacrifici di comunion, i puartarà une ufierte al Signôr, tirantle vie dal sacrifici di comunion. 30Al puartarà cu lis sôs mans dut ce che si à di ufrîi al Signôr cul fûc: al puartarà il gras insieme cul pet; il pet par scjassâlu tal at di presentâjal al Signôr. 31Il predi al brusarà il gras sul altâr; il pet al sarà di Aron e dai siei fîs. 32Al predi i darês ancje, di dirit, la cuesse gjestre dai vuestris sacrificis di comunion. 33I tocjarà, di dirit, al fi di Aron che al varà ufiert il sanc e il gras dai sacrificis di comunion. 34Parcè che, dai sacrificis di comunion ufierts dai fîs di Israel, jo mi riservi il pet de vitime ufierte cuant che si le presente e la cuesse de vitime ufierte cuant che si le alce, e jai doi al predi Aron e ai siei fîs. E je une leç eterne pai fîs di Israel. 35Cheste e je la part che ur tocje a Aron e ai siei fîs, dai sacrificis brusâts in onôr dal Signôr, de dì che a tacaran a funzionâ pal Signôr. 36Il Signôr ur à comandât ai israelits di dâur chest, tacant de zornade de lôr consacrazion. E je une part che ur tocje par in eterni, par dutis lis vuestris gjenerazions.

Conclusion

37Cheste e je la regule pal olocaust, pe oblazion, pal sacrifici di espiazion, pal sacrifici di riparazion, pe inviestidure e pal sacrifici di comunion: 38regule che il Signôr je à dade a Mosè su la mont dal Sinai la dì che ur à comandât ai fîs di Israel di puartâi al Signôr lis lôr ufiertis tal desert dal Sinai”.