LEVITIC (5)

Letôr: Calliopi Chani

Câs particolârs

51Se un al pecje intun di chescj câs: nol palese nuie, seben che al à sintût il sproc di bramazion e al è testemoni lui o al à viodût e savût, al à di rispuindi de sô tristerie. 2O ben cuant che un, cence inacuargisi, al tocje une robe soce, usance il cadavar di une bestie o il cadavar di un nemâl dumiesti o chel di un che si strissine, al restarà ancje lui soç e in colpe. 3O ben cuant che, cence inacuargisi, al tocje une robe soce dal om – une cualunche di chês robis che un om al devente soç –, cuant che al vignarà a savêlu, al sarà in colpe. 4O ben cuant che un, cence fâ câs, fevelant cussì, libar, al varà zurât, cuntun di chei zuraments che i oms a fasin cence pensâ sore, di fâ alc di mâl o di ben, se al vignarà a savêlu al sarà in colpe.

5Cuant che duncje un al sarà in colpe par une di chestis robis, al confessarà il pecjât che al à fat; 6i puartarà al Signôr, in riparazion de sô colpe pal pecjât che al à fat, une mascje di besteam minût, piore o cjavre, a mût di sacrifici di espiazion. Il predi al fasarà par lui la funzion di espiazion pal so pecjât.

7Se nol à pussibilitâts di procurâsi une piore o une cjavre, i presentarà al Signôr, in riparazion de sô colpe pal pecjât che al à fat, dôs tortorelis o doi colomps: un tant che sacrifici di espiazion e chel altri tant che olocaust. 8Jai presentarà al predi, che al ufrissarà par prin chel di espiazion: i spacarà il cjâf dongje de cope ma cence distacâlu; 9po al sborfarà il sanc dal sacrifici di espiazion sul flanc dal altâr e al striçarà chel che al vanze sul çocul dal altâr. Chest al è un sacrifici di espiazion. 10Chel altri ucel lu ufrissarà a mût di olocaust, daûr des regulis distinadis. Cussì il predi al fasarà par lui il sacrifici di espiazion pal pecjât che al à cometût e i sarà perdonât.

11Se però nol à pussibilitâts di procurâsi dôs tortorelis o doi colomps, al puartarà, come ufierte pal pecjât cometût, la decime part di efa di farine di flôr, a mût di sacrifici di espiazion; nol à di meti ni vueli ni incens, parcè che al è un sacrifici di espiazion. 12I puartarà la farine al predi, che int cjaparà sù une zumiele tant che memoriâl, fasintle brusâ sul altâr parsore des vitimis consumadis dal fûc in onôr dal Signôr. Al è un sacrifici di espiazion. 13Cussì il predi al fasarà par lui la funzion di espiazion pal pecjât che al à fat tun di chei câs che o vin dit modant, e i sarà perdonât. Ce che al vanze al sarà pal predi, come ufierte”.

Sacrificis di riparazion

14Il Signôr i fevelà a Mosè e i disè: 15“Se cualchidun al fâs un imbroi e al pecje cence pensâ sore, tignint indaûr alc di ce che al è consacrât al Signôr, che al puarti come sacrifici di riparazion al Signôr un roc cence pecjis, cjolt dal trop, che tu lu stimarâs in siclis d’arint seont il valôr dal sicli dal santuari; 16al rifondarà il damp fat al santuari zontant une cuinte part e je darà al predi, che al fasarà par lui la funzion di espiazion cul roc ufiert a mût di sacrifici di riparazion, e al varà il perdon. 17Cuant che un al pecjarà fasint, cence savê, une robe che il Signôr je à inibide, al sarà in colpe e al varà di paiâ il so fal. 18I presentarà al predi, a mût di sacrifici di riparazion, un roc cence pecjis, cjolt dal besteam minût seont la tô stime; il predi al fasarà par lui la funzion di espiazion pal fal cumbinât cence savê e i sarà perdonât. 19Al è un sacrifici di riparazion, par vie che chel om al jere in colpe tai confronts dal Signôr”.

20Il Signôr i disè a Mosè: 21“Se cualchidun al pecje e al fâs un imbroi cuintri dal Signôr ingjanant un so prossim par cont di dipuesits, di pegns o di robe strafuide, o se si aprofite dal so prossim, 22o se al à cjatade une robe pierdude e al dîs bausiis zurant ancje il fals a rivuart di dutis chês robis là che l’om al pò pecjâ, 23cuant che al varà pecjât e al sarà in colpe, al varà di tornâ la robe robade o gjavade fûr cul ingjan o il dipuesit che al veve vût in consegne o la robe pierdude che le veve cjatade 24o cualunche altre robe che al vedi zurât il fals. Al varà di tornâ dut, zontant une cuinte part, e i darà dut al paron legjitim la dì stesse che al fasarà il sacrifici di riparazion. 25I puartarà al predi, a mût di sacrifici di riparazion in onôr dal Signôr, un roc cence pecjis, cjolt dal besteam minût daûr de stime fate. 26Il predi al fasarà par lui une funzion di espiazion denant dal Signôr e al varà il perdon, cualsisedi azion che al vedi fate”.