LEVITIC (3)

Letôr: Bepi Pucciarelli

Sacrificis di comunion

31Se la sô ufierte e je un sacrifici di comunion e si ufrìs un nemâl grant, al sarà mascjo o mascje cence pecjis; lu ufrissarà denant dal Signôr. 2Al metarà la man sul cjâf de vitime e le sacrificarà biel jentrant de tende de cunvigne e i fîs di Aron, i predis, a sborfaran il sanc torator dal altâr. 3Di chest sacrifici di comunion al ufrissarà come sacrifici consumât dal fûc in onôr dal Signôr il gras parsore dai budiei, 4i doi rognons e il gras che a àn torator dai ombui, tirant vie però, parsore dai rognons, dut il gras dal fiât. 5I fîs di Aron lu brusaran sul altâr, parsore dal olocaust metût sui lens parsore dal fûc: al è un sacrifici consumât dal fûc, bonodôr che i plâs al Signôr.

6Se la sô ufierte pal sacrifici di comunion al Signôr e je di besteam minût, al sarà mascjo o mascje cence pecjis. 7Se l’ufierte che al fâs e je une piore, le ufrissarà denant dal Signôr; 8al metarà la man parsore de vitime e le sacrificarà denant de tende de cunvigne, e i fîs di Aron a sborfaran il sanc torator dal altâr. 9Di chest sacrifici di comunion al ufrissarà come sacrifici consumât dal fûc in onôr dal Signôr il gras, dute la code, distacantle dongje dal codarûl, e il gras torator dai budiei e dut il gras torator dai rognons, 10i doi rognons e dut il gras dal fiât. 11Il predi al brusarà dut sul altâr: e je une mangjative consumade dal fûc pal Signôr.

12Se la sô ufierte e je une cjavre, le ufrissarà denant dal Signôr; 13al metarà la man sul so cjâf e le sacrificarà denant de tende de cunvigne. I fîs di Aron a sborfaran il sanc torator dal altâr. 14Al tirarà vie di jê, come ufierte consumade dal fûc in onôr dal Signôr, il gras che al cuvierç i budiei e dut chel che al è parsore, 15i doi rognons e il gras che a àn torator dai ombui, taiant vie però, parsore dai rognons, dut il gras che al è torator dal fiât. 16Il predi al brusarà dut sul altâr: e je une mangjative consumade dal fûc pal Signôr.

Dut ce che al è gras al è dal Signôr. 17E je une leç eterne par dutis lis vuestris gjenerazions, pardut là che o sarês a stâ: no vês di mangjâ ni gras ni sanc!”.