ISAIE (11;12)

Letôr: Franco Prezza

Il re messianic de pâs

111Ma un sfiol al saltarà fûr dal tronc di Jesse

e une menade e vignarà fûr des sôs lidrîs.

2Sore di lui si poiarà il spirt dal Signôr,

spirt di sapience e di inteligjence,

spirt di consei e di coragjo,

spirt di cognossince e di timôr dal Signôr.

3Al cjatarà la sô contentece tal timôr dal Signôr.

Nol judicarà seont lis aparincis

e nancje nol fasarà sentence par sintût a dî;

4ma al judicarà i misars cun justizie

e al cjaparà decisions justis pai puars de tiere;

al pacarà il prepotent cu la vuiscje de sô bocje

e al fasarà murî il trist cu la soflade dai siei lavris.

5La justizie e sarà la fasse dai siei ombui

e la fedeltât la cengle dai siei flancs.

6Il lôf al vivarà insieme cul agnel

e la pantere si distirarà insieme cul cjavret;

il vidiel e il leon a passonaran insieme,

un frutut piçul ju menarà.

7La vacje e l’ors a passonaran,

i lôr piçui si distiraran insieme,

il leon al mangjarà stranc a usance il bo.

8Il frutut di tete al matearà su la buse dal sarpint

e il canai al metarà la man te cove de lipare.

9No si fasarà mâl ni dam di sorte

sun dute la mê sante mont,

parcè che la tiere e sarà incolme

de cognossince dal Signôr,

come che lis aghis a cuviergin il mâr.

Si torne dal esili

10In chê dì al sucedarà

che la lidrîs di Jesse

si alçarà sù tant che bandiere pai popui;

i forescj a coraran viers di jê,

e la sô cjase e sarà plene di glorie.

11E in chê dì al sucedarà

che il Signôr al slungjarà di gnûf la sô man

par sfrancjâ il rest dal so popul,

restât de Assirie e dal Egjit,

di Patros, de Etiopie e di Elam,

di Senaar e di Amat e des isulis dal mâr.

12Lui al alçarà une bandiere viers dai forescj

e al tirarà dongje i dispierdûts di Israel,

al metarà adun dai cuatri cjantons dal mont

i sparniçâts di Gjude.

13La gjelosie di Efraim e sarà gjavade,

e i nemîs di Gjude a saran fruçâts;

Efraim nol invidiarà plui Gjude

e Gjude nol varà plui rusin cuintri di Efraim.

14Ma ur plombaran intor ai filisteus a soreli a mont

e insieme a dispuearan i fîs de jevade;

Edom e Moab a saran lôr paronance

e i fîs di Amon a saran lôr sotans.

15Il Signôr al secjarà la lenghe dal mâr dal Egjit

e al scjassarà la sô man sul flum

cu la fuarce dal so spirt,

e lu spartissarà in siet riui

di rivâ a passâlu ancje cui sandui.

16E a sarà une strade pal rest dal so popul,

di ce che si salvarà de Assirie,

come ch’e je stade par Israel

cuant che al è saltât fûr de tiere dal Egjit.

Cjante di salvece

121In chê dì tu disarâs:

“Ti laudi, Signôr; tu sês stât inrabiât cuintri di me;

ma la tô rabie si è bonade e tu mi âs consolât.

2Ve, Diu al è la mê salvece,

mi fidi e no ài pôre;

parcè che la mê fuarce e il gno cjant al è il Signôr;

al è lui la mê salvece.

3O urissarês aghe cun gjonde

a lis risultivis de salvece”.

4E in chê dì o disarês:

“Laudait il Signôr, berlait il so non;

fasêt cognossi framieç dai popui lis sôs robonis;

berlait che il so non al è grant cence fin.

5Cjantait al Signôr parcè che al à fatis robis maraveosis,

e chest lu sa il mont intîr”.

6Scriule e berle di gjonde, int di Sion,

parcè che al è grant framieç di te il Sant di Israel!