1 SAMUEL (14:1-23)

Letôr: Paolo Faraci

Imprese vitoriose di Gjonate

141Une dì il fi di Saul, Gjonate i disè al zovin che i puartave lis armis: “Anìn, passìn di là fintremai là che a son postâts i filisteus”, cence però dîi nuie a so pari. 2Saul al jere restât dapît di Gabae, sot dal miluçâr ingranât che al è a Migron, e al veve ator di sè la trope: un sîscent oms aventi. 3Achie, fi di Achitub, fradi di Icabod, fi di Pincas, fi di Eli, predi dal Signôr a Silo, al veve l’efod. La trope no s’incuargè afat che Gjonate al jere partît. 4Te forcje che Gjonate al cirive di rivâ par tacâ la postazion dai filisteus, al jere un dint di crete di une bande e un dint di crete di chê altre. Un i disevin Bozez e chel altri Sene; 5il prin dint al jere disore, in face di Micmas, e chel altri a misdì, ripet di Gabae. 6Gjonate i disè al zovin scudîr: “Anìn sù, passìn di là fin te postazion di cheste int cence circuncision. Salacor il Signôr nus darà une man, parcè che no i coste nuie a fânus vinci nô, tant se o sin in pôcs che in tancj”. 7I rispuindè il zovin: “Fâs ce che il cûr ti ispire, che il gno cûr al è compagn dal to cûr”. 8Dissal Gjonate: “Ve: o passìn di là, là ch’e je cheste int, e si fasìn viodi di lôr. 9Se nus disin: No stait a movisi fin che no rivìn li, o starìn fêrs e no si butarìn cuintri di lôr. 10Se però nus disin: Vignît sù, o lin sù, parcè che il Signôr ju varà metûts tes nestris mans. Chest al sarà il nestri spieli”. 11Cuant che si mostrarin ducj i doi a la postazion dai filisteus, chei a diserin: “Ve che i ebreus a saltin fûr des busis là che si jerin platâts”; 12e i oms de postazion i diserin a Gjonate e al so scudîr: “Vignît sù, che o vin alc di dîus”. Alore Gjonate i disè al so scudîr: “Anìn sù daûr di me, che il Signôr ju à metûts tes mans di Israel”. 13Gjonate al lè sù sgarfant cu lis mans e cui pîts, e il scudîr i leve daûrji: a colavin denant di Gjonate e il scudîr ju finive daûr di lui. 14In chest prin scuintri Gjonate e il so scudîr int faserin fûr un vincj di lôr, in scuasit mieç cjamp di arâ.

Rivolton e batae gjenerâl

15Chei dal campament si spirtarin e compagn te campagne e framieç di dute la int. La postazion e la schirie di chei che a vevin di fâ damp si spaventarin ancje lôr, la tiere e trimà e si sintì par dut il terôr di Diu.

16Lis vuaitis di Saul, che a jerin a Gabae di Beniamin, a vioderin che il campament al jere dut sotsore 17e Saul i disè a la trope che al veve daûrsi: “Clamait par non e viodêt cui di nô che al è partît”. A clamarin un par un e a mancjavin propit Gjonate e il so scudîr. 18Alore Saul i disè a Achie: “Puartimi l’efod” – che al jere lui che al puartave l’efod presince di Israel –. 19Ma biel che Saul al steve fevelant cul predi, il davuei dal campament dai filisteus al lè tes stelis, e Saul i disè al predi: “Gjaviti di li”. 20Saul e dute la trope che al veve daûrsi si derin dongje e a rivarin tal lûc dal combatiment: ve che si sbudielavin un cul altri cu la spade: un davuei di chel altri mont. 21I ebreus, che prime si jerin metûts de bande dai filisteus e che a jerin lâts sù cun lôr tal campament, a voltarin bandiere par butâsi cui israelits che a jerin cun Saul e cun Gjonate. 22Ducj i israelts che si jerin platâts su la mont di Efraim, sintint che i filisteus le tovavin, ju talonarin ancje chei, simpri batintsi. 23In chê dì il Signôr i dè la vitorie a Israel, e il combatiment si slargjà di là di Bet-Aven.