GJOSUÈ (22:9-16)

Letôr: Emanuele Zocolan

L’altâr su la rive dal Gjordan

9I fîs di Ruben e i fîs di Gad, insieme cu la miege-tribù di Manasse, a tornarin indaûr e a lassarin i israelits a Silo, te tiere di Canaan, par lâ te tiere di Galaad là che ur jere tocjade la lôr part, daûr l’ordin che il Signôr i veve dât a Mosè.

10Rivâts tai cerclis di claps dal Gjordan, te tiere di Canaan, i fîs di Ruben, i fîs di Gad e la miege-tribù di Manasse a faserin sù un altâr ad ôr dal Gjordan, un altâr tant grant che mai. 11La robe a vignirin a savêle i israelits. “Viodêso mo – a diserin – che i fîs di Ruben, i fîs di Gad e la miege-tribù di Manasse si son fats sù un altâr in face de tiere di Canaan, de bande dai cerclis di claps dal Giordan, su la rive dai israelits?”. 12A cheste gnove dute la trope dai israelits si dè dongje a Silo par marçâ cuintri di lôr e fâur vuere.

13Prime però i israelits a mandarin dai fîs di Ruben, dai fîs di Gad e de miege-tribù di Manasse, te tiere di Galaad, il predi Pincas, fi di Eleazar, 14e dîs sorestants parie, un sorestant di famee par ogni tribù di Israel, 15stant che ognun di lôr al jere a cjâf de sô famee fra lis tribûs di Israel. Rivâts che a forin li dai fîs di Ruben, dai fîs di Gad e de miege-tribù di Manasse, te tiere di Galaad, ur diserin: 16“La semblee dal Signôr, dute compate, e dîs cussì: Ce robe vêso fate cuintri dal Diu di Israel, voltant cumò lis spalis al Signôr e fasint sù un altâr che al scuen fâi ombre a di chel dal Signôr?