DEUTERONOMI (25)

Letôr: Lorenzo Strizzolo

Protezion dal citadin

251Cuant che un pôcs di lôr a inviaran un cavîl e a laran denant dal judiç, i judiçs a fasaran sentence e i daran reson a di chel che al è nocent e a condanaran chel che al è in tuart. 2Se chel che al è in tuart al merte pestât, il judiç lu fasarà distirâ par tiere presince di lui e lu fasarà pestâ a rate purizion dal tuart. 3Al podarà ordenâi di dâi corante colps ma no di plui; che nol sucedi che, pestantlu di plui, il cjastic al sedi masse cjalcjât e che to fradi nol resti disonorât denant di te.

4No tu metarâs la musolarie al bo cuant che al è daûr a bati forment.

La leç dal levirât

5Cuant che i fradis a vivaran insieme e un di lôr al murarà cence lassâ fruts, la femine dal muart no larà a maridâsi fûr, cuntun forest. Si fasarà indenant so cugnât e le sposarà, fasint cussì tai siei confronts il so dovê di cugnât. 6Il prin fi che jê i parturissarà, al puartarà il non dal fradi muart: cussì il so non nol sarà scancelât gran di Israel.

7Se però chest om nol à voe di cjoli la cugnade, jê si presentarà dai anzians su la puarte de citât e ur disarà: Gno cugnât nol à voe di sigurâ in Israel il non di so fradi; nol à chê di fâ tai miei confronts il so dovê di cugnât. 8Alore i anzians di cheste citât a clamaran chest om e a resonaran cun lui. Se lui al cuntindarà e al disarà: No ài voe di cjolile, 9alore sô cugnade i larà dongje presince dai anzians, i gjavarà il sandul dal pît, i spudarà in muse e cjapant la peraule e disarà: Cussì al sarà tratât chel che nol vûl tornâ a meti in pîts la famee di so fradi. 10E la cjase di lui le clamaran in Israel la cjase dal discolç.

Altris leçs

11Se un pôcs di lôr a implantin une barufe insieme, un om cun so fradi, e la femine e larà dongje par liberâ il so om des mans di chel che lu pache e e slungjarà la man brincantlu tes parts civîls, 12tu âs di cjonçâi la man e il to voli nol à di vê nissun dûl.

13No tu varâs tal to sac doi pês diferents, un grant e un piçul. 14No tu varâs in cjase dôs misuris diferentis, une grande e une piçule. 15Tu varâs un pês just e no fufignât e une misure interie e corete se tu volarâs vê vite lungje su la tiere che il Signôr to Diu ti dà. 16Parcè che il Signôr to Diu nol pò gloti chel che al fâs robis di cheste fate, chel che al vîf imbroiant.

ZONTE

I amalecits

17Visiti di ce che ti à fat Amalec cuant che o jeris pe strade tal saltâ fûr dal Egjit: 18che ti à plombât intor pe strade e che al à tacât, te tô carovane, ducj i plui debui che a jerin in code, biel che tu tu jeris strac muart e che nol à vût nissune teme dal Signôr. 19A pene che il Signôr to Diu ti varà sistemât a ricès dai tiei nemîs dulintor, te tiere che il Signôr to Diu ti dà di legjitime par che tu le paronis, tu scancelarâs il ricuart di Amalec sot dai cîi. Viôt di no dismenteâtal!