NUMARS (35)

Letôr: Sergio Sandrin

Ereditât dai levits

351Il Signôr i fevelà a Mosè tes pustotis di Moab dongje dal Gjordan di Gjeric e i disè: 2“Ordeniur ai fîs di Israel che, de ereditât che a varan, ur lassin ai levits ancje la campagne ch’e je torator des citâts. 3A varan lis citâts par stâ e la campagne ur servissarà pal lôr besteam, pe lôr robe e par ducj i lôr nemâi. 4La campagne che a saran parons i levits si slargjarà par mil comedons torator de citât, partint des muris. 5O misurarês duncje, fûr de citât, doi mil comedons de bande di soreli jevât, doi mil comedons de bande di misdì, doi mil comedons de bande di soreli a mont e doi mil comedons de bande di miegegnot; la citât e sarà tal mieç. Cheste e sarà la campagne di ognidune des lôr citâts. 6Des citâts che ur darês ai levits, sîs a saran citâts di lâ a parâsi, che vualtris o distinarês par chel che al à copât. In soreplui di chestis, ur darês altris corantedôs citâts. 7Lis citâts che ur darês ai levits a saran in dut corantevot, ognidune cu la sô campagne. 8Chestis citâts che ur darês ai levits, cjolintlis de ereditât dai fîs di Israel, lis cjolarês di plui a di chei che and àn di plui e di mancul a di chei che and àn di mancul; ognidun ur darà ai levits, des sôs citâts, a rate purizion de ereditât che i sarà tocjade.

Citâts di ripâr

9Il Signôr i fevelà a Mosè e i disè: 10“Feveliur ai fîs di Israel e dîsiur: Cuant che o varês passât il Gjordan e o sarês jentrâts te tiere di Canaan, 11o distinarês citâts che a sedin par vualtris citâts di ripâr, là che al podarà lâ a parâsi chel che al varà copât un cence savê. 12Chestis citâts us servissaran di ripâr cuintri dal svindicadôr dal sanc, e chel che al à copât nol murarà fin che nol varà frontât il judizi denant de comunitât. 13Des citâts che ur dareis, sîs a saran par vualtris citâts di ripâr. 14Ur darês trê citâts di ca dal Gjordan e ur darês altris trê citâts te tiere di Canaan; a saran citâts par lâ a parâsi. 15Chestis sîs citâts ur servissaran di ripâr ai fîs di Israel, al forest e al ospit che al lozarà framieç di vualtris, par che a puedin lâ a parâsi ducj chei che a àn copât un cence savê.

16Ma se un i à dât un colp a di un altri cuntun imprest di fier, chel al è un sassin; e il sassin si varà di copâlu. 17Se i dà jù cuntun clap che al veve te man, un clap che si pò murî, e chel altri al mûr, chel al è un sassin; e il sassin si varà di copâlu. 18O se i dà jù cuntun imprest di len che al veve te man, un imprest che si pò murî, e chel altri al mûr, chel al è un sassin; e il sassin si varà di copâlu. 19Al sarà il svindicadôr dal sanc che al varà di copâ il sassin; a pene che lu intivarà, lu coparà. 20Se un i dà a di un altri un poc par asse o i bute intor un alc cun tristerie e chel altri al mûr, 21o se i dà un colp cu la man par asse e chel altri al mûr, chel che al à dât jù al varà di jessi copât; al è un sassin e il svindicadôr dal sanc al coparà l’om a pene che lu incuintrarà.

22Ma se i dà un poc cence savê e no par asse o i bute intor un alc cence savê 23o se, cence volê, i fâs colâ intor un clap che si pò murî e chel altri al mûr, ma nol veve nuie cuintri di lui e nol voleve fâi dal mâl, 24alore chestis a son lis regulis che la comunitât e varà di fâ sentence jenfri chel che al à dât il colp e il svindicadôr dal sanc. 25La comunitât e liberarà des mans dal svindicadôr dal sanc chel che al à copât e lu fasarà tornâ tes citâts di ripâr là che al jere scjampât. Al varà di restâ li fintremai a la muart dal grant predi, che al è stât consacrât cul vueli sant. 26Ma se chel che al à copât al jes dai confins de citât che al jere lât a parâsi 27e se il svindicadôr dal sanc lu intive fûr dai confins de sô citât di ripâr e lu cope, il svindicadôr dal sanc nol varà di rispuindi dal sanc spandût. 28Parcè che chel che al à copât al à di stâ te sô citât di ripâr fint a la muart dal grant predi; dopo muart il grant predi, chel che al à copât al pò tornâ te tiere che al è paron.

29Chestis a saran duncje lis regulis de leç, di gjenerazion in gjenerazion, pardut là che o sarês a stâ. 30Se un al cope un altri, il sassin al varà di jessi copât dopo di vê sintût i testemonis; ma nol sarà avonde un testemoni sôl par condanâ a muart une persone. 31No tirarês bêçs par riscatâ la vite di un sassin, che al merte la muart, parcè che al varà di jessi copât. 32No tirarês bêçs par lassâ scjampâ chel che al à copât de sô citât di ripâr e par lassâlu tornâ te sô tiere fin che nol è muart il predi. 33No sporcjarês la tiere là che o sês a stâ, parcè che il sanc al sporcje la tiere; no si podarà fâ nissune espiazion dal sanc spandût; dome midiant dal sanc di chel che lu varà spandût. 34Pa la cuâl no stait a sporcjâ la tiere là che o lais a stâ e là che o starai ancje jo framieç di vualtris; parcè che jo o soi il Signôr e o vîf framieç dai fîs di Israel!”.