NUMARS (31:25-54)

Letôr: Carla Fattori

25Il Signôr i fevelà a Mosè e i disè: 26“Tu, insieme cul predi Eleazar e cui sorestants des gjernaziis de comunitât, fâs il cens di dut ce che o vês cjapât: de int e dal besteam. 27Spartìs la prede jenfri i combatents che a àn stât in vuere e dute la comunitât. 28De part che ur tocje ai soldâts che a àn stât in vuere, tu cjolarâs un tant pal Signôr: ven a stâi un par ogni cinccent des personis e dal besteam grant, dai mus e dal besteam minût. 29Lu cjolarês de lôr metât e tu jal darâs al predi Eleazar come ufierte di alçâle in onôr dal Signôr. 30De metât che ur tocje ai fîs di Israel, tu cjolarâs un par ogni cincuante des personis e dal besteam grant, dai mus e dal besteam minût; tu ur al darâs ai levits, che a àn in consegne il santuari dal Signôr”.

31Mosè e il predi Eleazar a faserin come che il Signôr i veve ordenât a Mosè. 32Il rafât, vadì dut ce che al jere restât di ce che a vevin puartât dongje chei che a vevin stât in vuere, al jere di siscent e setantecinc mil cjâfs di besteam minût, 33di setantedoi mil cjâfs di besteam grant, 34di sessanteun mil mus 35e di trentedoi mil personis, vadì feminis che no vevin stât cuntun om. 36La metât, ven a stâi la part di chei che a vevin stât in vuere, e fo di tresinte e trentesiet mil e cinccent cjâfs di besteam minût, 37e, di chei, siscent e setantecinc pe tasse al Signôr; 38trentesis mil cjâfs di besteam grant e, di chei, setantedoi di tasse al Signôr; 39trente mil e cinccent mus e, di chei, sessanteun di tasse al Signôr; 40sedis mil personis e, di chês, trentedôs di tasse al Signôr. 41Mosè i consegnà al predi Eleazar la tasse de ufierte cjolte pal Signôr, come che il Signôr i veve ordenât. 42La metât che ur tocjave ai fîs di Israel, dopo che Mosè al veve fate la division cui oms lâts in vuere, 43la metât che i tocjà a la comunitât e fo di tresinte e trentesiet mil e cinccent cjâfs di besteam minût, 44trentesis mil cjâfs di besteam grant, 45trente mil e cinccent mus 46e sedis mil personis. 47Di cheste metât che ur tocjave ai fîs di Israel, Mosè al cjolè un par ogni cincuante dai oms e dai nemâi e ur ai dè ai levits che a àn in consegne il santuari dal Signôr, come che il Signôr i veve ordenât a Mosè.

48I comandants dai miârs dal esercit, sorestants di miârs e sorestants di centenârs, a lerin là di Mosè e i diserin: 49“I tiei fameis a àn contât ducj i soldâts che a jerin sot di nô e no ’nt mancje nancje un. 50Par chel ti puartìn, come ufierte al Signôr, dut ce che ognidun al à cjatât di robe d’aur: braçalets, anei, rincjins, golainis, par fâ la funzion di espiazion pes nestris personis denant dal Signôr”. 51Mosè e il predi Eleazar a cjaparin l’aur, dute robe lavorade. 52Dut l’aur de ufierte che a faserin pal Signôr di bande dai sorestants di miârs e dai sorestants di centenârs al fo di sedis mil sietcent e cincuante siclis. 53I oms dal esercit a vevin rafât ognidun par sè.54Mosè e il predi Eleazar a cjaparin l’aur dai sorestants di miârs e di centenârs e lu puartarin te tende de cunvigne tant che memorie dai fîs di Israel denant dal Signôr.