NUMARS (24)

Letôr: Gina Pascolo

241Balaam al viodè che il Signôr al veve gust di benedî Israel e nol lè come chês altris voltis a cirî strolegaçs ma al voltà la muse de bande dal desert. 2Balaam al alçà i vôi e al viodè Israel campât, tribù par tribù. Alore il spirt di Diu al dismontà sun lui 3e al disè il so poeme:

“Sentence di Balaam, fi di Beor,

e sentence dal om che al viôt in dentri;

4sentence di chel che al sint lis peraulis di Diu

e che al cognòs la sience dal Altissim,

di chel che al viôt ce che al viôt Chel che al pò dut,

e al cole e il vêl al sparìs dai siei vôi.

5Ce bielis che a son lis tôs tendis, Jacop,

i tiei sîts, Israel!

6A son tant che riui che si slargjin

tant che zardins ad ôr di un flum,

come àloe che il Signôr al à plantât,

come cedris ad ôr da l’aghe.

7E scor l’aghe des sôs risultivis

e la sô semence come aghe bondante.

Il so re al sarà plui grant di Agag

e il so ream ducj lu laudaran.

8Diu, che lu à fat saltâ fûr dal Egjit,

al è par lui tant che i cuars dal bufal.

Al glot i popui che i fasin cuintri,

al rosee i lôr vues

al pare a tocs lis frecis che i tirin cuintri.

9Si è platât, si è scrufuiât usance un leon

precîs une leonesse: cui varaial il fiât di fâlu jevâ sù?

Chel che ti benedìs che al sedi benedît

e chel che ti maludìs che al sedi maludît!”.

10Alore la fumate di Balak si infogà cuintri di Balaam; Balak al batè lis mans e i disè a Balaam: “Ti ài fat vignî par maludî i miei nemîs e tu invezit tu ju âs benedîts par trê viaçs! 11Cumò vatint te tô tiere! O vevi dit che ti varès colmât di onôrs, ma ve, il Signôr nol à volût che tu ju vessis”. 12Balaam i disè a Balak: “No ur vevio dit ai mes che tu mi vevis mandât: 13Se ancje Balak mi des la sô cjase plene incolme di aur e di arint no podarès lâ cuintri di un ordin dal Signôr par fâ une robe buine o triste di volontât mê: ce che il Signôr al disarà, jo o disarai dome chel? 14Cumò o stoi par tornâ de mê int. Poben, anìn: ti disarai dut ce che chest popul i fasarà al to popul tai timps a vignî”. 15Alore al disè il so poeme:

“Sentence di Balaam, fi di Beor,

sentence dal om che al viôt in dentri,

16sentence di chel che al sint

lis peraulis di Diu

e che al cognòs la sience dal Altissim,

di chel che al viôt ce che al viôt Chel che al pò dut,

e al cole e il vêl al sparìs dai siei vôi.

17Jo lu viôt, ma no cumò,

lu cjali, ma no di dongje:

Une stele e ven fûr di Jacop

e il baston dal comant al ven fûr di Israel,

i spache i timplis a Moab

e la crepe ai fîs di Set.

18Edom al deventarà une sô concuiste

al deventarà une sô concuiste Seir, il so nemì,

biel che Israel al fasarà robonis.

19Un di Jacop al paronarà sui siei nemîs

e al fasarà fûr chei che si jerin salvâts di Ar”.

20Po al viodè Amalec e al disè il so poeme:

“Amalec al è il prin di ducj i popui

ma il so avignî al è finît par simpri”.

21Po al viodè i kenits e al disè il so poeme:

“Sigure e je la tô cjase, Cain,

e il to nît al è poiât sul cret.

22Cun dut a chest, però, al sarà fiscât

fin che Assur no ti menarà vie presonîr”.

23Al disè ancjemò un poeme:

“Joi, cui vivaraial

dopo che lu à brincât il Signôr?

24A vignaran nâfs de bande di Cipro

a tibiaran Assur e a folpearan Eber,

ma ancje par lui e sarà finide”.

25Daspò Balaam si cjapà sù e al tornà te sô tiere, biel che Balak al lè pe sô strade.