NUMARS (19)

Letôr: Paolo Del Frate

Aghe lustrâl e funzion di purificazion

191Il Signôr i fevelà a Mosè e a Aron e ur disè: 2“Chest al è un ordin de leç che il Signôr al à comandât: Dîsiur ai fîs di Israel che ti puartin une mange rosse, cence magle, cence pecjis, e che no vedi mai puartât il jôf. 3Je darês al predi Eleazar, che le menarà fûr dal campament e le fasarà sacrificâ sot dai siei vôi. 4Il predi Eleazar al cjolarà cul dêt il sanc de mange e lu sborfarà siet voltis denant de tende de cunvigne; 5po si brusarà la mange sot dai siei vôi; si brusarà la piel, la cjar e il sanc cu la porcarie. 6Il predi al cjolarà len di cedri, issop, purpure colôr ros vîf e al butarà dut tal fûc che al sta consumant la mange. 7Podopo il predi al lavarà la sô munture e al bagnarà il so cuarp ta l’aghe; po al tornarà tal campament e al restarà soç fintremai sore sere. 8Chel che al varà brusade la mange si lavarà la munture ta l’aghe, al bagnarà il so cuarp ta l’aghe e al restarà soç fintremai sore sere. 9Un om mont al regonarà lis cinisis de mange e lis ingrumarà fûr dal campament tun lûc mont, là che a saran tignudis cont pe comunitât dai fîs di Israel, pa l’aghe de purificazion: e je une funzion di espiazion. 10Chel che al varà regonadis lis cinisis de mange si lavarà la munture e al sarà soç fintremai sore sere. Cheste e je une leç eterne pai fîs di Israel e pal vignadiç che al vivarà framieç di lôr.

11Chel che al varà tocjât un cadavar di om, al sarà soç par siet dîs. 12Cuant che un si sarà smondeât cun chê aghe la tierce e la setime dì, al sarà mont; ma se no si smondearà la tierce e la setime dì, nol sarà mont. 13Chel che al varà tocjât un cadavar, vadì il cuarp di une persone muarte, e no si sarà smondeât, al varà profanât il santuari e al sarà cjonçât vie di Israel. Stant che l’aghe de purificazion no je stade sborfade sun lui, al è soç; al à intorsi la sporcjetât.

14Cheste e je la leç par cuant che un om al mûr te tende: chel che al metarà pît te tende e chel che al sarà te tende, al sarà soç par siet dîs. 15Ogni crep distaponât, che nol varà parsore un tapon o une peande, al sarà soç. 16Chel che al varà tocjât, vie pe campagne, un om copât cu la spade o muart di muart naturâl o un vues di om o un tombâl, al sarà soç par siet dîs.

17Par chel che al sarà soç, si cjolarà la cinise de vitime brusade pe espiazion e si strucjarà parsore vie, intun crep, aghe vive; 18po un om mont al cjolarà issop e lu tocjarà ta l’aghe e al sborfarà la tende, dut il furniment e dutis lis personis che a son a stâ dentri e chel che al à tocjât il vues o l’om copât o chel muart di muart naturâl o il tombâl. 19L’om mont al sborfarà il soç la tierce dì e la setime dì e lu smondearà la setime dì. Podopo chel che al è stât smondeât si lavarà la munture, si lavarà cu l’aghe e al deventarà mont sore sere. 20Ma se un, deventât soç, no si smondearà, al sarà cjonçât vie de comunitât, parcè che al à sporcjât il santuari dal Signôr e l’aghe de purificazion no je stade sborfade sun lui; al è sporc. 21E sarà par vualtris une leç eterne. Chel che al varà sborfade l’aghe de purificazion al sarà soç fintremai sore sere. 22Dut ce che il soç al varà tocjât, al sarà soç; chel che lu varà tocjât, al sarà soç fintremai sore sere.