1 ZUAN (3;4:1-6)

Letôr: Roberto Margarit

31Ce sorte di amôr che nus à dât il Pari: di jessi clamâts fîs di Diu, e lu sin pardabon! Se il mont no nus cognòs al è parcè che nol à cognossût lui. 2Miei cjârs, nô o sin za di cumò fîs di Diu, ma no si è ancjemò pandût ce ch’o sarìn. O savìn però che cuant che lui si sarà pandût, nô o sarìn sul so stamp, parcè che lu viodarìn come ch’al è.

3Chel ch’al à cheste sperance in lui, al cîr di smondeâsi come ch’al è mont lui. 4Chel ch’al fâs il pecjât, al va ancje cuintri di lui, parcè che il pecjât al va cuintri di lui. 5O savês che lui si è pandût par cjapâ sù i pecjâts e che in lui no ’nd è pecjât. 6Chel ch’al reste in lui nol pecje; chel ch’al pecje, no lu à ni viodût ni cognossût.

7Frututs, che nissun no us imbroi. Chel ch’al met in pratiche la justizie al è just, come che lui al è just. 8Chel ch’al fâs il pecjât al ven fûr dal diaul, parcè che il diaul al è pecjadôr fin dal principi. E il Fi di Diu si è pandût propit par disfâ lis voris dal diaul. 9Chel ch’al è nassût di Diu nol fâs pecjâts, parcè che al à dentri di sè une semence divine, e nol pò pecjâ parcè che al è nassût di Diu.

10Di chest si diferenziin i fîs di Diu dai fîs dal diaul: chel che nol met in pratiche la justizie nol è di Diu, e nancje chel che no i vûl ben a so fradi.

Il mes cristian di volêsi ben di fradis

11Parcè che e je cheste la gnove ch’o vês sintude ancjemò dal imprin: che si volìn ben un cul altri. 12No come Cain, ch’al jere dal trist e al à copât so fradi. E par ce reson lu àial copât mo? Parcè che lis sôs voris a jerin tristis, biel che chês di so fradi a jerin justis.

13No stait a dâsi di maravee, fradis, se il mont nol pò viodius. 14Nô o savìn ch’o sin passâts de muart a la vite parcè che ur volìn ben ai fradis. Chel che nol vûl ben al reste te muart. 15Chel ch’al odee so fradi al è un sassin, e o savês che nissun sassin nol à dentri di sè la vite eterne.

16Di chest o vin cognossût l’amôr: lui al à dade la sô vite par nô; par chel ancje nô o vin di dâ la nestre vite pai fradis. 17Ma se un al à ricjecis di chest mont e viodint so fradi te streme i siere il so cûr, cemût restial in lui l’amôr di Diu? 18Frututs, no stin a volê ben a cjacaris e cu la lenghe, ma cui fats e te veretât.

Fidâsi di chel che al met in vore i comandaments

19Di chest o cognossìn ch’o sin nassûts de veretât e o podarìn meti in pâs il nestri cûr denant di lui, 20ancje s’o vessìn cualchi rimuars. Diu al è plui grant dal nestri cûr e al cognòs dut. 21Miei cjârs, se il nestri cûr nol à nuie ce rimproverânus, o vin confidence in Diu; 22dut ce ch’o domandìn lu vin di lui parcè che o metìn in pratiche i siei comandaments e parcè che o fasìn ce che lui al à a grât.

23Chest al è il so comandament: ch’o crodìn tal non di so Fi Gjesù Crist e che si volìn ben un cul altri, seont il comandament che lui nus à dât. 24Chel ch’al met in pratiche i siei comandaments al reste in Diu e Diu in lui. E di chest o savìn ch’al reste in nô: dal Spirt che nus à dât.

4. Sezion dutrinâl

Disserniment dai spirts

41Miei cjârs, no stait a lâ daûr di ogni inspirazion, ma stazait lis inspirazions par viodi s’a vegnin propit di Diu, parcè che a son saltâts fûr tal mont un stragjo di profetis fals. 2Di chest o podìn ricognossi il spirt di Diu: ogni spirt ch’al ricognòs che Gjesù Crist al è vignût te cjar al è di Diu; 3ogni spirt che nol ricognòs Gjesù nol ven di Diu. Chest al è il spirt dal anticrist che, come ch’o vês sintût, al sta rivant; che anzit al è za tal mont. 4Vualtris o sês di Diu, frututs, e o vês vinçûts chescj profetis fals parcè che chel ch’al è in vualtris al è plui grant di chel ch’al è tal mont. 5Chei li a son dal mont, par chel a insegnin robis dal mont e il mont ju scolte. 6Nô o sin di Diu. Chel ch’al cognòs Diu, nus scolte nô; chel che nol è di Diu, no nus scolte. Di chest o diferenziìn il spirt de veretât e il spirt de falsetât.