LEVITIC (24:10-23)

Letôr: Duilio Venturini

Un câs sucedût

10Il fi di une femine israelite e di un egjizian al jessì framieç dai fîs di Israel, e il fi de femine israelite al implantà barufe tal campament cuntun israelit. 11Il fi de femine israelite al blestemà il non dal Signôr cun tant di maludizion. Sichè lu menarin di Mosè. La mari di chest om e veve non Selomit, fie di Dibri, de tribù di Dan. 12Lu meterin sot vuaite intant che a spietavin di cjapâ une decision seont la peraule dal Signôr. 13E il Signôr i fevelà a Mosè e i disè: 14“Mene chel blestemadôr fûr dal campament; ducj chei che lu àn sintût che a metin lis mans sul so cjâf e dute la comunitât che lu copi a clapadis. 15Feveliur ai fîs di Israel e dîsiur:

Chel che al maludissarà il non dal Signôr, al puartarà il pês dal so pecjât. 16Chel che al blesteme il non dal Signôr al à di jessi copât e dute la comunitât e varà di clapadâlu. Forest o nassût te tiere, se al à blestemât il non dal Signôr al sarà copât.

La leç dal tant par tant

17Chel che al cope un om, si varà di copâlu.

18Chel che al cope un nemâl, al varà di rifondilu: vite par vite.

19Se un al ferìs il so prossim, si à di fâi a lui compagn che lui i à fat a di chel altri: 20roture par roture, voli par voli, dint par dint. Si à di fâi la stesse feride che lui i à fate a di chel altri.

21Chel che al cope un nemâl, al à di rifondilu; ma chel che al cope un om, al à di jessi copât.

22O varês une leç sole tant pal forest che pal paisan, parcè che jo o soi il Signôr, il vuestri Diu”.

23Mosè ur fevelà ai fîs di Israel e lôr a menarin il blestemadôr fûr dal campament e lu sclaponarin. Cussì i fîs di Israel a meterin in vore ce che il Signôr i veve ordenât a Mosè.