1 CORINTS (15:35-58)

Letôr: Maria Teresa Persello

Il mût de resurezion

35Cualchidun al disarà: “Cemût resurissino i muarts? Cun ce cuarp vignarano fûr?”. 36Stupidat! Ce che tu semenis nol cjape vite se prime nol mûr; 37e chel che tu semenis nol è il cuarp ch’al nassarà, ma un sempliç grignel di forment o di alc altri. 38E Diu i darà un cuarp come ch’al vûl lui, a ogni semence il so cuarp. 39No ogni cjar e je la stesse cjar; altre e je la cjar di un om e altre e je chê di un nemâl; altre e je chê di un ucel e altre chê di un pes. 40E and è cuarps dal cîl e cuarps de tiere; e altri al è il sflandôr dai cuarps dal cîl e altri al è chel dai cuarps de tiere. 41Altri al è il sflandôr dal soreli, altri chel de lune, altri chel des stelis: ogni stele e je diferent di chê altre par cont di sflandôr. 42Cussì ancje la resurezion dai muarts: si semene te coruzion, si resurìs te incorutibilitât; 43si semene te miserie e si resurìs tal sflandôr; si semene te infermitât e si resurìs te potence; 44si semene un cuarp naturâl e al resurìs un cuarp spirtuâl.

Se di fat and è un cuarp naturâl, and è ancje un spirtuâl. 45Al è scrit: il prin om, Adam, al è deventât une creature vive, ma l’ultin Adam al è deventât spirt ch’al dà vite. 46Però nol è stât prime il cuarp spirtuâl, ma il naturâl, e dopo il spirtuâl. 47Il prin om, tirât fûr de tiere, al è di pulvin, ma il secont om al ven dal cîl. 48Come ch’al è l’om di pulvin, cussì a son chei di pulvin; come ch’al è chel dal cîl, cussì a saran ancje chei dal cîl. 49E come ch’o vin puartât il stamp dal om di pulvin, cussì o puartarìn il stamp dal om dal cîl. 50Us dîs, fradis, che la cjar e il sanc no puedin ereditâ il ream di Diu, e nancje ce che si fraidìs nol eredite l’incorutibilitât.

La glorie finâl

51Ve, us palesi un misteri: no murarìn ducj, ma ducj o vignarìn trasformâts; 52intun lamp, intune batude di voli, al sun de ultime trombe; di fat e sunarà la trombe e i muarts a resurissaran intats e nô o vignarìn trasformâts. 53Chest cuarp che si fraidìs al scuen riviestîsi di incorutibilitât e chest cuarp mortâl riviestîsi di inmortalitât.

54E cuant che chest cuarp che si fraidìs si sarà riviestût di incorutibilitât, e chest cuarp mortâl si sarà riviestût di inmortalitât, in chê volte si colmarà la peraule de Scriture:

La muart e je stade glotude de vitorie.

55Dulà ise, muart, la tô vitorie?

Dulà isal, muart, il to asel?

56L’asel de muart al è il pecjât, e la fuarce dal pecjât e je la leç. 57Ch’al sedi ringraciât Diu che nus dà la vitorie midiant dal Signôr nestri Gjesù Crist! 58Par chel, fradis miei tant cjârs restait salts, no stait a molâ, dait sot plui ch’o podês te vore dal Signôr, savint che denant dal Signôr no lavorais mai dibant