LEVITIC (17)

Letôr: Novella Del Fabbro

CODIÇ DI SANTITÂT

Sacrificis e inmolazions al Diu vivent

171Il Signôr i fevelà a Mosè e i disè: 2“Dîsii a Aron, ai siei fîs e a ducj i fîs di Israel: il Signôr al à ordenât cussì: 3Chel de cjase di Israel che al cope un bo o un agnel o une cjavre dentri dal campament o fûr dal campament 4e che no lu mene te jentrade de tende de cunvigne par presentâjal al Signôr denant dal santuari dal Signôr, al varà di rispuindi di chel sanc: al à spandût sanc e chel om al sarà cjonçât vie dal so popul 5Pa la cuâl i fîs di Israel, impen di sacrificâ, come che a fasin, lis lôr vitimis vie pe campagne, a àn di puartâlis al Signôr presentantlis al predi te jentrade de tende de cunvigne, a àn di ufrîjes al Signôr a mût di sacrifici di comunion. 6Il predi al spandarà il sanc sul altâr dal Signôr, biel jentrant de tende de cunvigne, e al brusarà il gras tant che bonodôr che i plâs al Signôr. 7No ufrissaran plui i lôr sacrificis ai satirs, che a son usâts a prostituîsi cun lôr. Cheste e sarà par lôr une leç eterne, di gjenerazion in gjenerazion.

8Tu ur disarâs ancje: Ognidun dai fîs di Israel o dai forescj che a vivin framieç di lôr che al ufrissarà un olocaust o un sacrifici 9cence puartâlu te jentrade de tende de cunvigne par sacrificâjal al Signôr, chest om al varà di jessi cjonçât vie dal so popul.

10Ognidun dai fîs di Israel o dai forescj che a vivin framieç di lôr, che al mangje cualunche sorte di sanc, jo o voltarai la mê muse cuintri di lui, che al à mangjât sanc, e lu cjonçarai vie dal so popul. 11Parcè che la vite di ce che al vîf e je tal sanc. Par chel us ài permetût di metilu sul altâr de espiazion dai vuestris pecjâts, parcè che il sanc al espie, stant che al è la vite. 12Par chel ur ài dit ai fîs di Israel: Nissun nol varà di mangjâ sanc, nancje il forest che al è a stâ framieç di vualtris nol mangjarà sanc. 13Se un dai fîs di Israel o dai forescj che a son a stâ framieç di vualtris al cjape a cjace un nemâl o un ucel di chei che si pò mangjâju, al à di fâ scolâ il sanc e di taponâlu cu la tiere. 14Parcè che la vite di dut ce che al è vîf e je tal sanc. Par chel ur ài ordenât ai fîs di Israel: No vês di mangjâ il sanc di nissune sorte di vivent, parcè che il sanc al è la vite di dut ce che al vîf e chel che int mangjarà al varà di jessi cjonçât vie. 15Cualunche persone, di riunde dal puest o vignadice, ch’e mangjarà cjar di nemâl muart naturalmentri o sbranât, e varà di lavâsi i vistîts, di bagnâsi ta l’aghe e e restarà soce fintremai sore sere; in chê volte e tornarà monde. 16Ma se no si lave la munture e il cuarp, e varà di rispuindi de sô tristerie”.