LEVITIC (16)

Letôr: Roberto Iacovissi

La zornade de espiazion

161Il Signôr i fevelà a Mosè dopo che i doi fîs di Aron a jerin muarts biel che a presentavin la lôr ufierte denant dal Signôr. 2Il Signôr i disè a Mosè: “Dîsii a Aron, to fradi, che nol à di jentrâ in cualunche moment tal santuari, dilà dal vêl, denant dal propiziatori che al è parsore de arcje; parcè che senò al podarès murî cuant che jo o comparissarai tal nûl parsore dal propiziatori. 3Aron al jentrarà tal santuari cussì: al cjolarà un manzut pal sacrifici di espiazion e un roc pal olocaust. 4Al metarà intorsi la tonie di fîl consacrade, al tirarà sù sul so cuarp i mudandons di fîl, al pearà tor de vite la cinturie di fîl e al metarà sul cjâf il turbant. E je cheste la munture sacre che al varà di metisi intor dopo di jessisi lavât cu l’aghe. 5De comunitât dai fîs di Israel al cjolarà doi becs par un sacrifici di espiazion e un roc par un olocaust. 6Aron al ufrissarà il so manzut a mût di sacrifici di espiazion e al fasarà l’espiazion par sè e pe sô cjase. 7Po al cjaparà i doi becs e ju menarà denant dal Signôr biel jentrant de tende de cunvigne 8e al tirarà a bruscjete par viodi, dai doi, chel che al à di jessi dal Signôr e chel di Azazel. 9Po al ufrissarà il bec tocjât a bruscjete e al fasarà il sacrifici di espiazion; 10il bec tocjât a bruscjete a Azazel lu poiarà vîf denant dal Signôr, par fâ sun lui la funzion di espiazion, e po jal mandarà a Azazel tal desert.

11Aron al ufrissarà il so manzut a mût di sacrifici di espiazion par sè e, dopo di vê fate l’espiazion par sè e pe sô cjase, al sacrificarà il manzut dal sacrifici di espiazion par sè. 12Daspò al cjaparà il turibul incolm di boris cjoltis sul altâr denant dal Signôr e doi pugns di incens in polvar e al puartarà dut dilà dal vêl. 13Al metarà l’incens sul fûc dal Signôr, par che il nûl dal incens al cuviergi il propiziatori che al è parsore de arcje e cussì no i capiti di murî. 14Po al cjolarà un sclip dal sanc dal manzut e cul dêt al sborfarà il propiziatori de bande de jevade e par siet voltis al sborfarà cul dêt il sanc denant dal propiziatori. 15Po al ufrissarà il bec dal sacrifici di espiazion, chel de comunitât, e al puartarà il sanc dilà dal vêl; cun chel sanc al fasarà ce che al à fat cul sanc dal manzut: lu sborfarà sul propiziatori e denant dal propiziatori.

16Cussì al fasarà l’espiazion sul santuari, smondeantlu des sporcjetâts dai fîs di Israel, des disubidiencis e di ducj i lôr pecjâts. Al fasarà compagn pe tende de cunvigne ch’e je framieç di lôr, framieç de lôr sporcjetât. 17Te tende de cunvigne nol varà di jessi nissun, di cuant che al jentrarà tal santuari par fâ la funzion di espiazion a cuant che nol sarà saltât fûr e nol varà finide la funzion di espiazion par sè, pe sô cjase e par dute la comunitât di Israel.

18Jessint duncje viers dal altâr, che al è denant dal Signôr, al fasarà la funzion di espiazion, cjolint il sanc dal manzut e il sanc dal bec e bagnant torator i cuars dal altâr. 19Par siet voltis al sborfarà cul dêt l’altâr, cussì lu smondearà e lu fasarà sant des sporcjetâts dai fîs di Israel.

20Cuant che al varà finît di sborfâ il santuari, la tende de cunvigne e l’altâr, al fasarà puartâ il bec vîf. 21Aron al metarà lis mans parsore dal bec vîf, al confessarà parsore di lui dutis lis tristeriis dai fîs di Israel, dutis lis lôr disubidiencis, ducj i lôr pecjâts e ju strucjarà sul cjâf dal bec; podopo lu pararà fûr pal desert midiant di un om adet a chest compit. 22Il bec, puartantsi intor dutis lis lôr inicuitâts tun lûc straneât e fûr di man, al sarà lassât lâ tal desert.

23Alore Aron al jentrarà te tende de cunvigne, si gjavarà la munture di fîl che al veve metût intorsi par jentrâ tal santuari e le lassarà li. 24Al lavarà il so cuarp ta l’aghe tun lûc sant, al metarà intorsi i siei vistîts e al saltarà fûr par ufrî il so olocaust e l’olocaust dal popul e par fâ la funzion di espiazion par sè e pal popul. 25E al fasarà brusâ sul altâr dut il gras dal sacrifici di espiazion.

26Chel che al varà molât il bec distinât a Azazel si lavarà i vistîts, al lavarà il so cuarp ta l’aghe e dopo al tornarà tal campament.

27Si puartarà fûr dal campament il manzut dal sacrifici di espiazion e il bec dal sacrifici che il so sanc al è stât puartât dentri tal santuari par fâ la funzion di espiazion; si brusarà tal fûc la sô piel, la sô cjar e la sô porcarie. 28Chel che lis varà brusadis al varà di lavâsi i vistîts e di bagnâsi il cuarp ta l’aghe; podopo al tornarà tal campament.

Il dizun

29Cheste e sarà par vualtris une leç eterne: tal setim mês, te decime zornade dal mês, o dizunarês e no fasarês nissune vore, ni chel che al è dal lûc ni il forest che al è a stâ framieç di vualtris. 30Parcè che in chê zornade si fasarà la funzion di espiazion par vualtris, par smondeâus; e cussì o sarês smondeâts di ducj i vuestris pecjâts denant dal Signôr. 31E sarà par vualtris une sabide di polse complete e o dizunarês. E je une leç eterne. 32Il predi che al à vude la consacrazion e l’inviestidure par funzionâ impen di so pari, al fasarà l’espiazion; al metarà intorsi i vistîts di fîl, vistîts benedîts. 33Al fasarà l’espiazion pal santuari, pe tende de cunvigne e pal altâr; al fasarà l’espiazion pai predis e par dut il popul de cumunitât. 34Cheste e sarà par vualtris une leç eterne: fâ une volte ad an la funzion di espiazion pai fîs di Israel, par parâ jù ducj i lôr pecjâts”.

E si fasè come che il Signôr i veve ordenât a Mosè.