Vieri Testament

TUBIE (Tb)


Jentrade

Il libri di Tubie

Il libri di Tubie al conte la storie di une famee israelitiche, depuartade a Ninive in Assirie, dal 722 p.d.C. Une famee componude dal pari, Tubie, de mari, Ane, e di un fi, Tubiute. Il non dal pari e dal fi a vuelin dî “Il Signôr al è il gno ben”.
Tubie, om di religjon e di caritât, al devente vuarp. A Ecbatane e vîf Sare, la fie di un so parint, ch’e je disperade parcè che il demoni Asmodeo i à fats murî siet oms, ducj te prime gnot di gnocis. La preiere di chescj doi juscj, Tubie e Sare, e ven scoltade di Diu, ch’al mande il so agnul Rafael a comedâ dut par che si palesi il boncûr e la fedeltât di Diu tai confronts de int buine.
Come gjenar leterari di cheste tragjedie finide in ben, o sin sul stamp des contis dai patriarcjis de Gjenesi.
Il libri al è stât scrit in ebraic o in aramaic, però l’origjinâl al è lât pierdût e si à scugnût lavorâ su lis traduzions, no dutis fedelis o leterâls. Di chi la diference che si pò cjatâ fra une edizion e un’altre.
Sul autôr no si sa nuie di precîs. Prime di scomparî dai lôr vôi, Rafael ur dîs ai siei amîs: “Scrivêt dut ce che us è sucedût” (12,20) e subit dopo si dîs che Tubie “al scrivè” (13,1). Nol è dit però che i autôrs dal libri a sedin i protagoniscj o un dai doi, ancje parcè che i fats a son viodûts in lontanance, cui contors malsigûrs. Une cuintriprove che il libri al sedi stât scrit une vore in ca al è il fat che lu àn metût fra chei clamâts “deuterocanonics”, che il gjudaisim palestinês no ju acete.
Si pò duncje fevelâ di un autôr cence non, vivût une vore dopo dal esili, ch’al à tirade dongje cualchi tradizion viere e le à metude jù cun intent edificant. La glesie lu à simpri considerât ispirât e fasint part dal cjanul.
L’impuartance di chest libri e je soredut religjose e morâl e ogni pagjine e traspire umanitât e pietât. Fra ducj i libris dal VT al è chel ch’al presente cun plui clarece il matrimoni come une union sante. Un libri de famee e pe famee, ch’al va let e gjoldût cun chel spirt ch’al è stât scrit, cence pierdisi masse in cuistions esegjetichis o critichis.