Vieri Testament

ESTER (Est)


Jentrade

Il libri di Ester

Il libri di Ester, come chel di Gjudite, al conte de liberazion dai gjudeus midiant di une femine, Ester, deventade regjine de Persie sot di Assuero (Serse, 485-465 p.d.C.). Il nemì al è un alt funzionari di palaç, Aman. La suage gjeografiche e je la citât di Suse, là che i gjudeus a jerin stâts depuartâts sot di Nabucodonosor.
Ester, indreçade di so barbe Mardocheu, e rive a tirâ de sô bande il re. In gracie di jê, la situazion si disledrose: Aman al ven picjât e Mardocheu al cjape il so puest.
Par ricuardâ un fat cussì grant e ven metude sù la fieste dai Purîm, che i ebreus le celebraran ogni an.
Il libri si divît in trê parts, cuntune introduzion e une zonte finâl.
La introduzion o preliminâr e fevele dal sium di Mardocheu.
I. Ester e devente regjine (cc. 1-2).
II. I gjudeus a son in pericul (3,1-7,10).
III. Il distin dai ebreus si ribalte (8,1-10,3).
La zonte, te version greche, e dà un sclariment sul sium di Mardocheu e su la traduzion stesse dal libri.
Nol è facil savê cuant che al è stât componût il libri. Il fi di Sirac, ch’al à scrit tor il 190-180 p.d.C. la laut dai grancj de storie ebraiche (Sir 44-49), nol nomene ni Ester ni Mardocheu. Invezit l’autôr dal prin libri dai Macabeos, ch’al scriveve sul scomençâ dal I sec. p.d.C., al ricuarde la “zornade di Mardocheu”.
Cuant che, sul finî dal II sec. e la metât dal I sec. p.d.C., a àn tradusude la Bibie dal ebraic in grêc (la version clamade dai Setante), il libri di Ester nol è stât dome voltât ma ancje slargjât, come che si pò viodi ancje te nestre edizion intai versets cu lis letaris piçulis. Chest nol à zovât di sigûr no a la clarece. Di fat and è edizions de Bibie che a ripuartin dome l’ebraic; and è che a ripuartin ebraic e grêc, come la nestre; e o vin la Volgade latine di san Jeroni ch’e rimande la part greche a la fin dal ebraic come une zonte.
La glesie e à cjapât il libri di Ester de Diaspore ebraiche e duncje te forme plui slargjade. Partant a van consideradis ispiradis ancje lis parts dome in grêc.
L’impuartance religjose di chest libri e je un grant amôr pal ben de nestre patrie e la sigurece che Diu al salve simpri il piçul nocent des sgrifis dal grant ch’al è ancje trist.