Vieri Testament

2 MACABEUS (2 Mac)


Jentrade

Il secont libri dai Macabeus

Cuintri di ce ch’al vignarès di pensâ, chest libri nol è la continuazion dal prin. Di fat il titul al è dome une sigle che lu contrassegne tai codiçs Alessandrin e Venit. Il titul origjinâl al varès di jessi stât “Epìtome o struc dai fats di Gjude Macabeu”. Si trate di fat di un lavôr complet e indipendent dal prin.
L’argoment centrâl e je l’ativitât di Gjude Macabeu par rivendicâ la leç ebraiche cuintri de tremende persecuzion di Antioc Epifane. Come timp tratât, si va dal 176 al 161 p.d.C.
Ma la peculiaritât e sta tal gjenar leterari, ch’al è chel di une storiografie “patetiche e retoriche”, là che la storie e ven contade in forme di drame, cun tant di intervent miraculôs dal cîl, e i fats a vegnin contâts cul intent di cjapâ dentri emotivamentri il letôr. Di fat a son selezionâts, staronzâts, ingrandîts, gambiâts di ordin cronologjic. Il fin al è chel di celebrâ il templi e il cult che si svilupe ator dal templi. La storicitât dai fats e zuje in chest telâr ideologjic.
I doi moments plui alts a son la purificazion dal templi, cu la muart di Antioc Epifane e la fieste comemorative (10,1-8), e la inviolabilitât dal templi metude in lûs de muart di Nicanor e celebrade te fieste de “zornade di Nicanor” (15,25-36).
Il libri al è stât scrit dopo dal 124 p.d.C., date de prime letare di introduzion, e prin dal 63 p.d.C., cuant che Pompeu al à cjapât il templi.
Dal pont di viste teologjic, chest libri al è impuartant pes afermazions ch’al fâs in merit de resurezion dai muarts (7,9; 14,46); dai cjastics in chel altri mont (6,26), de preiere pai muarts (12,41-46); dai merits dai martars (6,18-7,41) e de intercession dai sants (15,12-16). No par nuie o sin ancje cronologjicamentri su la puarte de plenece de rivelazion dal Gnûf Testament.