Vieri Testament

MATIEU (Mt)


Jentrade

Il Vanzeli seont Matieu

Il vanzeli che la tradizion e à passât sot il non di Matieu al è chel ch’al vierç la schirie dai libris dal cjanul cristian. Al è il vanzeli che lu àn vût let e comentât di plui te Glesie antighe, par vie ch’al ripuarte di plui e cun plui ordin i insegnaments di Gjesù Crist. E di fat al è inmaneât sui cinc grancj macs des peraulis di Crist; il prin e plui cognossût al è il “discors de mont”, Mt 5-7. Ognidune di chestis cinc sezions si siere cussì: “Cuant che Gjesù al finì chescj discors…” Mt 7,28.
Par vê il telâr dal prin vanzeli baste lei i doi cjaveçs de storie di Gjesù: cuant che al à fevelât dal ream dai cîi in Galilee (4,17) e cuant che al à tacât a inscuelâ i dissepui su la strade de crôs (Mt 16,21). Il teme di fonde, stant al vanzelist, al è che Crist nus conte la “buine gnove dal ream” e al vuarìs dutis lis malatiis de int, Mt 4,23; 9,35.
Si pò, par tant, cjatâ fûr cheste glagn:
I: Gjesù al è il Messie ch’a vevin fevelât par vieri, Mt 1,1-4,16;
II: la buine gnove dal ream in peraulis e fats, Mt 4,17-16,20;
III: Gjesù, il Messie rifudât dai oms ma puartât di Diu, Mt 16,21-28,16.
Il cûr dal vanzeli al è Gjesù, che Pieri, dant vôs a la fede de Glesie, lu proclame Fi dal Diu vîf, Mt 16,16. Al è lui, mandât di Diu e Fi, che al colme lis promessis fatis a mieç dai profetis. E di fat par ben 11 voltis Matieu al comente i fats de vite di Gjesù midiant di un test biblic ch’al tache: “Al è sucedût cussì par che si colmàs ce che il Signôr al veve dit midiant dal profete…” Mt 1,22.
Gjesù, cu lis peraulis e cui fats, nus splane adimplen e par simpri la volontât di Diu, che si struche tal amôr dal prossim. Chei ch’a scoltin lis sôs peraulis e lis metin in pratiche a son i siei dissepui e a fasin la Glesie.
Matieu al scrîf par un trop di cristians convertîts dal ebraisim. Dongje di lôr, però, al sta cjapant pît il grop dai cristians di divignince paiane. Che zaromai il moviment cristian al è distacât e in rotis cul gjudaisim uficiâl. Chest al dà conferme ancje di ce che si saveve in merit a cemût e a cuant che al è nassût.
La tradizion i al dà a Matieu, un dai dodis apuestui di Gjesù, ma lu à componût par scrit un gjudeu cristian tor i agns 80/85 pes comunitâts de alte Galilee e de Sirie (Antiochie).